Centro di rieducazione sonico vibrazionale
Psicosomatica

Fibre sensitive del Nervo Vago raggiungono la superficie esterna (ambiente) a livello del timpano e del canale uditivo esterno. Esso è il nervo parasimpatico più importante per il nostro equilibrio vegetativo – viscerale.
Con la sua rete estremamente complessa e fitta di diramazioni il nervo vago innerva moltissimi organi essendo implicato frequentemente nei disturbi psicosomatici: dell’area stomaco-intestinale; dell’area cardiaca e dell’area naso-orecchio e collo.
Il suono mette il timpano in oscillazione. Poiché il Vago raggiunge la superficie esterna del timpano, può ricevere una stimolazione eccessiva se il timpano è flaccido a causa di una insufficiente tensione o di un’oscillazione troppo forte. Questa stimolazione eccessiva del Vago può quindi riflettersi su uno o più organi interni.

Le frequenze gravi provocano ampie oscillazioni del timpano, mentre quelle  acute provocano vibrazioni decisamente più piccole. Con un buon orecchio che percepisce chiaramente le frequenze acute, il timpano sarà mantenuto sempre teso in modo ottimale e non subirà vibrazioni abnormi, così il nervo vago potrà portare equilibrio a livello viscerale.

La terapia di ascolto allena la tensione del timpano ottenendo l'armonizzazione del nervo vago.

Le tensioni emotive non vengono più "scaricate" sul corpo che diviene nuovamente "silenzioso" al servizio di una vita di nuovo libera dal disagio.

Senza l'impiego di farmaci e senza dover sospendere quelli che eventualmente vengono normalmente assunti, si può intervenire su:

  • palpitazioni, extrasistoli
  • raffreddamenti frequenti, abbassamenti di voce
  • asma
  • gastriti, coliti, stitichezza
  • alcune manifestazioni psoriasiche

Con le sessioni di ascolto possono verificarsi reazioni di natura vegetativa (variazioni nell’appetito, nel sonno, della diuresi e dell’alvo). Talora può apparire un lieve peggioramento dei sintomi psicosomatici. Questo è un segnale della reazione del corpo verso il recupero di un equilibrio sano.

 

Share on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookPrint this pageEmail this to someone